Backindietro

Probabilmente la cosa più importante da dire è che il logo non c'entra praticamente nulla con il brand, è un po' come definire un auto in base al suo volante. Il brand è una struttura culturale, visiva, emotiva, pubblicitaria che permette ad un'azienda di aumentare vendite e premium price. Il logo è parte del brand, è la spilletta che il brand si appunta al petto. La domanda più interessante potrebbe essere che diferenza c'è tra un logo e una clipart, perchè esistono loghi a 30 euro che si possono comprare su internet (clipart) e loghi da decine di migliaia di euro.

Esistono criteri a cui un logo deve necessariamente sottostare.

  • Scalabilità, la facoltà di rimanere sempre riconoscibile anche in fase di riduzione;

  • Controllo delle cromie, della versione negativo, di quella in scala di grigio e monocromatica;

  • La gestione delle possibili varianti;

  • La gestione dell'area di rispetto, come descritto nel suo brand manual;

  • 1

    Logo e brand - Indicazioni progettuali

    Il design ed il visual sono un prezioso supporto per la costruzione dei valori immateriali di brand. A partire dalla costruzione del logo, un corretto approccio progettuale deve essere in grado di garantire

    Brand recognition (riconoscibilità)

    Brand recall (ricordo)

    progetto
  • 2

    Rappresentazione del linguaggio verbale

    Un logo viene sempre accompagnato da un payoff o baseline, questo aiuta a migliorare l'interpretazione del segno, a rendere il logo maggiormente memorabile e di effetto. É possibile dare forma ad un messaggio verbale giocando innanzitutto tra denotazione e connotazione.

    Denotazione, ovvero il significato oggettivo e puramente informativodella parola

    Connotazione, insieme dei significati emotivi, personali, culturali che associano ad una parola altri concetti, immagini e significati soggettivi

    rappresentazione
  • 3

    Scelta della finalità

    Un logo come già detto possiede di per se alcune funzionalità primarie quali quelle di distinguibilità e memorabilità, un logo tuttavia deve contemporaneamente spingere quei valori che in un determinato momento storico saranno strategici e caratterizzanti della azienda o di quel prodotto. All'origine della progettazione deve essere quindi ben chiara la finalità del logo:

    Didascalica spiegare, descrivere il più chiaramente possibile

    Conativa spingere, convincere, creare il presupposto per richiedere una determinata attività

    Decorativa estetica, laddove in realtà non ci siano particolari funzionalità richieste ma magari solo l'enfasi delle due caratteristiche primarie di riconoscibilità e memorabilità

    colore
  • 4

    Il colore

    Il colore nella progettazione del logo assume un significato strategico, è assodata l'implicazione psicologica di questo nella mente dell'osservatore. La scelta di una corretta e limitata Palette colore risulterà fondamentale per creare la corretta personalità al progetto.

    Monocromatico

    Acromatico

    Complementare

    Contrastante

    palette colore
  • 5

    Forme - geometrica vs organica

    Si definisce forma uno spazio delimitato da un perimetro.
    Tipologia:

    Geometrica (miglior percezione)

    Organica (laddove la ricerca è finalizzata alla costruzione di immagini morfologiche riconoscibili)

    forme
  • 6

    Forme e Struttura

    Struttura portante e modularità

    Si intende un insieme di linee che sorreggono la forma pensiamo alle foglie o agli elementi reali

    forme e struttura
  • 7

    Simbolo

    Composizione di più oggetti o segni/forme che assume

    Convenzionalità (rispetto condivisione di una comunità)

    Ereditarietà (stabilità)

    Analogia (rispetto un oggetto rappresentato)

    simbolo
  • 8

    Segno

    Quando il simbolo diventa totalmente astratto e possiede un significato condiviso diventa segno

    Iconici (somiglianza all’oggetto)

    Indicali (prossimità all’oggetto indicato)

    Simbolici (relazione segno/oggetto stabilita arbitrariamente)

    segno
  • 9

    Marchio

    Classificazione rispetto all’oggetto classificante

    Icona (riproduce un oggetto)

    Indice (rimanda all’oggetto pur rappresentandolo anche solo in parte)

    Simbolo (evoca il referente per associazione di idee)

    marchio
  • 10

    Logo

    Simbolo nato per rappresentare un azienda, immagine ambigua perché non possiede rapporto diretto con il messaggio da veicolare, per questo viene associato almeno inizialmente ad un testo.
    Tipologie:

    Basati sul naming (solo nome)

    Emblemi (racchiuso in geometria chiusa)

    Figurati (costruiti da tanti elementi)

    Acronimi (raggruppamento testuale in unico elemento visivo)

    Calligrammatico (testo modificato e disposto per suggerire una forma veicolante valori specifici)

    logo

Perchè quando diventiamo tutti uguali diventa solo una questione di prezzo!
What Studio facciamo la differenza.

Privacy Policy | Cookie Policy

Chiudi
^
INFORMATIVA: Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri e di altri siti) per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.