Backindietro

  • 1

    User Experience

    Le dimensioni che determinano l'esperienza dell'utente sono tre:

    elenco puntato dimensione pragmatica:
    funzionalità e usabilità del sistema

    elenco puntato dimensione estetica/edonistica:
    piacevolezza estetica, emotiva e ludica del sistema

    elenco puntato dimensione simbolica:
    attributi sociali, forza del Brand, identificazione

    Utenza e Web
  • 2

    Tipologie di home

    Situazioni in cui spesso abbiamo un design ricco:

    elenco puntatoportali;

    elenco puntatositi multi prodotto;

    elenco puntatositi editoriali;

    elenco puntatoe-commerce;

    elenco puntatositi corporate;

    Situazioni in cui di norma abbiamo un design scarno:

    elenco puntatominisiti e landing page;

    elenco puntatositi personali;

    elenco puntatositi aziendali senza troppe sottocategorie;

    Intensità sul web
  • 3

    Come impostare la pagina principale

    Struttura della pagina home:

    elenco puntatoCreare in ogni pagina una chiara gerarchia visiva;

    elenco puntatoSfruttare le convenzioni;

    elenco puntatoScomporre le pagine in aree ben definite;

    elenco puntatoRendere ovvio ciò che è cliccabile;

    elenco puntatoMinimizzare il “rumore” ;

    Interfaccia sito web istituzionale
  • 4

    Navigazione nella homepage

    L’esperienza di navigazione nella homepage deve essere peculiare e, nello stesso tempo, mantenersi consistente e coerente anche nelle altre sezioni del sito.

    In ogni caso i contenuti di una home page dovrebbe contenere sempre:

    elenco puntatoidentità del sito e missione;

    elenco puntatogerarchia del sito;

    elenco puntatoricerca;

    elenco puntatoindicatori: "voi siete qui";

    elenco puntatoscorciatoie…;

    elenco puntatostimoli (affari, se il sito è commerciale);

    elenco puntatoIdentità del sito e missione;

    Navigazione
  • 5

    Struttura della homepage

    Una home page deve essere caratterizzata da:

    elenco puntatocoerenza degli elementi;

    elenco puntatoposizionamento irremovibile nella home e nelle altre pagine di elementi come l’header, il body e il footer;

    elenco puntatoimpaginazione costante del layout;

    elenco puntatomodalità di scorrimento del sito (scrolling);

    elenco puntatoutlizzo degli stessi nomi nelle voci dei menù e l’adozione di una convenzione complessiva per la denominazione regolare degli oggetti (naming convention);

    elenco puntatoinvariabilità dei font e dei colori;

    elenco puntatostabilità di icone, segni, simboli e tratti visuali.;

    Interfaccia sito web istituzionale
  • 6

    Le 5
    regole di
    Krug ...

    Regole di Krug

    Cinque regole di KRUG, cose da fare:

    1. Creare in ogni pagina una chiave gerarchica visiva: la cosa più importante è messa in rilievo (colorata, di dimensione più grande, più spaziata); evidenziare la similarità delle cose raggruppandole sotto un titolo o mettendole in un’area definita; “nidificare” il contenuto per mostrare “cosa è parte di cosa”.

    2. Sfruttare le convenzioni: se ben applicate, rendono più facile all’utente passare da un sito all’altro senza sforzi, per capirne il funzionamento.

    3. Scomporre le pagine in aree ben definite: è importante poiché permette agli utenti di decidere subito su quale area focalizzarsi e quali ignorare.

    4. Rendere ovvio ciò che è cliccabile: evitando così di costringere l’utente a riflettere su cosa è cliccabile.

    5. Minimizzare il rumore, che è il più grande nemico di una pagina web. Gli utenti hanno gradi di tolleranza alla complessità e alle distrazioni, sarebbe opportuno quindi, partire dal presupposto che tutto è rumore visivo.

    Regole di Krug
  • 7

    Struttura di una pagina

    Un utente non legge, ma scorre una pagina. Proprio per questo è utile creare in ogni pagina una chiara gerarchia visiva. In base a questo concetto è utile creare uno starting point, lavorare sul layout per ottenere una buona zona di lettura introduttiva, sfruttare una grafica essenziale e minimale per ottenere l’ancoraggio ottico su C2A per rispondere alle esigenze primarie dell’utente (le cosiddette main issues). Quindi bisogna evitare rumore grafico, evitare sovraffollamento e dare risposte immediate ai possibili bisogni. In aggiunta alla main issues è buona norma presentare nella pagina iniziale esempi e suggerimenti di contenuto interno, come per esempio link diretti verso il secondo o terzo livello dell’albero di navigazione.

    Struttura di un pagina

Perchè quando diventiamo tutti uguali diventa solo una questione di prezzo!
What Studio facciamo la differenza.

Privacy Policy | Cookie Policy

Chiudi
^
INFORMATIVA: Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri e di altri siti) per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.